Archivi tag: Razzismo

La parola alla Corte

Dopo due anni di tira e molla fra tribunali e Parlamento, la parola passa alla Corte Costituzionale, e quella parola è “orango”. Lo scorso mese di settembre il Senato, a maggioranza, aveva respinto l’autorizzazione per il reato di istigazione all’odio razziale a carico del vice-presidente dell’Aula Calderoli, pur dando il via libera a procedere nei confronti del senatore della Lega per diffamazione. All’origine del contendere le ormai “celebri” dichiarazioni nel corso di un comizio a Treviglio nel luglio del 2013: in quella occasione il senatore della Lega Nord Roberto Calderoli aveva dato senza troppi problemi dell’orango alla allora Ministra per l’integrazione Cécile Kyenge, di origine congolese. In aula si era difeso dicendo che era stata una battuta, una sciocchezza di cui si era pentito, convincendo, peraltro, la maggioranza dei suoi colleghi senatori, molti dei quali del PD, partito della Kyenge, che lo avevano di fatto assolto dall’aggravante razziale, derubricando un evidente insulto di matrice razzista a celia. Un po’ come il celebre voto sulle parentele con qualche governante d’Egitto, insomma.

Calderoli-675

Ebbene, dopo questo incredibile passaggio parlamentare, di interpretazione creativa di cosa sia razzismo e cosa battute di spirito, il collegio giudicante del tribunale di Bergamo ha preso la balla al balzo e ha trasmesso alla Corte Costituzionale, come richiesto dal pubblico ministero, gli atti relativi al procedimento contro Calderoli. Secondo il tribunale, infatti, la parola “orango” non è in alcun modo attribuibile alla normale dialettica politica e al legittimo conflitto di opinioni che era al tempo in corso tra il rappresentante della Lega e l’ex ministro sui temi dell’immigrazione. Inoltre, viene accolta la richiesta del PM che aveva chiesto che il tribunale sollevasse il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato e che fosse la Corte Costituzionale a pronunciarsi sul caso: il tribunale, cioè, mette in dubbio che il Senato potesse, sulla base delle proprie competenze, scindere il reato di diffamazione da quello di aggravante razzista, che spetterebbe, invece, alla magistratura. Spetterà ora alla Suprema Corte decidere se il termine “orango” rientri o meno nelle funzioni di parlamentare esercitate dal senatore Calderoli durante il comizio e se, in ultima analisi, si configuri reato di istigazione all’odio razziale.

Due considerazioni. La prima. Come fa notare Gabriele Maestri, “se alla Giunta e all’assemblea spetta valutare l’esistenza del nesso funzionale tra parole pronunciate e attività parlamentare, si deve ammettere che qui si assiste alla nascita di un monstrum logico-giuridico: in base al voto dell’assemblea, lo stesso fatto storico risulta funzionalmente connesso all’attività parlamentare per un reato, mentre non lo è per la sua aggravante. Questo però non ha alcun senso: il nesso funzionale o c’è o non c’è, tertium non datur, il giudizio non può cambiare a seconda dei punti di vista (cioè del reato o della circostanza considerati), del tutto estranei al rapporto tra dichiarazioni del parlamentare e atti tipici da lui compiuti”. Insomma se Calderoli ha diffamato, esondando dalla legittima opinione di un parlamentare nell’esercizio delle sue funzioni, non ha alcun senso condonare l’aggravante razzista propria di quella stessa diffamazione. La seconda. Se l’approdo alla Consulta fa ben sperare in un definitivo chiarimento sulla vicenda, auspicando che la Corte possa ribadire l’ovvietà che è sfuggita a ben 196 senatori della Repubblica, resta l’amarezza di dover gettare dalla finestra tempo, energie e denaro pubblico per dimostrare quel che non abbisognerebbe di dimostrazione alcuna. E di constatare di come la politica – certa politica, almeno – manchi di quegli elementari strumenti di civiltà che avrebbero dovuto guidare i cosiddetti seniores della Repubblica. Passi l’analfabetismo giuridico: quello di civile convivenza no.

Pubblicato su Formiche

Contrassegnato da tag , , ,

Il razzismo dopo i fatti di Parigi

AAEAAQAAAAAAAAZTAAAAJDZkNDkyOTM0LTUzMjUtNDM1ZC1iNmFkLWE2NTIxNDFmYThiZQ

Dopo i tragici fatti di Parigi, Khalid Chaouki, deputato del PD nato in Marocco e cresciuto in Italia dall’età di due anni, ha sentito il dovere, da musulmano e rappresentante delle Istituzioni di questo Paese, di rappresentare lo sdegno e la condanna per la strage compiuta dai fanatici che si ispirano alla ideologia del cosiddetto Stato Islamico, rilanciando la necessità di un’azione diplomatica congiunta e un sempre maggiore sforzo per l’integrazione, rifiutando ogni ambiguità da parte delle comunità musulmane. Ebbene, la sua pagina Facebook e il suo account Twitter sono stati letteralmente inondati da insulti e intimidazioni d’ogni genere: dal “fuori da casa mia”, a “è finito il tempo per voi cammellari” e “in Africa a calci in culo”. Fino a vere e proprie minacce di morte. Non è purtroppo una novità: da sempre Chaouki – come, d’altronde, Cécile Kyenge – è oggetto di insulti a sfondo razzista da parte dei professionisti dell’odio social, sia per il colore della sua pelle che per la sua religione: oggi, dopo le stragi di Francia, gli attacchi riprendono vigore e devono preoccuparci molto. Per più di un motivo.

In primo luogo perché dimostriamo, ancora una volta, di non sapere tenere sotto controllo la pancia razzista della nostra società. Non tanto perché cento o mille idioti vomitino insulti irripetibili contro qualcuno in quanto nero o per qualsiasi altro motivo, ma perché su questo si è registrata e si registra ancora troppa timidezza della politica. È ora di dare un taglio alle invettive contro stranieri, musulmani o neri la cui violenza intrinseca non viene affatto arginata dalle successive precisazioni e correzioni di rotta di rito. Sta alla politica avere la testa e la visione di ampio respiro per confinare ogni manifestazione di estremismo che non fa che acuire la tensione sociale interna, soprattutto se per giochi politici di piccolo cabotaggio.

Questo – e siamo al secondo motivo – vale soprattutto oggi, quando si innesca un gioco pericoloso in cui rischiamo di essere gli utili idioti di una strategia del terrore attentamente pianificata e guidata da una ideologia assolutista che stentiamo a comprendere. Attaccare chi promuove e rappresenta l’integrazione è prima di tutto un assurdo logico, dato che costoro rappresentano i nostri migliori alleati nel far fronte contro chi desidera innanzi tutto distruggere il nostro stile di vita. Ed anzi, annacquare le cose positive compiute in materia di integrazione nel nostro Paese fornirà maggiori spazi a coloro che fanno del proselitismo presso gli scontenti e gli emarginati la loro arma più efficace. E, sia chiaro, non c’è muro che tenga di fronte ad un fenomeno migratorio, per molti versi drammatico, che va governato con la dovuta attenzione ai diritti umani e con la cooperazione internazionale (richiamo, a questo proposito, le condivisibili proposte di Galli della Loggia espresse sul Corriere della Sera di pochi mesi fa). Senza speculazioni sull’intollerabile equazione rifugiato uguale potenziale terrorista.

Il rigurgito razzista degli ultimi giorni, infine, deve almeno servire a ricordarci che l’Italia, con tutti i suoi inenarrabili difetti, è uno Stato democratico, che ha conosciuto nella sua storia le leggi razziali ma che oggi è membro fondatore dell’Unione europea e del Consiglio d’Europa, e che nell’Europa dei lumi tiene forti le sue radici. Proprio, dunque, perché abbiamo il dovere di difendere la civiltà europea e le sue conquiste, non possiamo e non dobbiamo cedere sui principi di eguaglianza e solidarietà che ne costituiscono le basi indefettibili. Non comprendere, fra le molte, queste ragioni di buon senso rischia di indebolirci come comunità – Italiana ed europea – e renderci vulnerabili. È un lusso che non possiamo permetterci.

Pubblicato su Linkiesta

Contrassegnato da tag , ,

L’Italia della discriminazione e della paura

Ricordate il fattaccio avvenuto nel corso di un comizio a Treviglio nel luglio del 2013? In quella occasione il senatore della Lega Nord Roberto Calderoli, attuale Vice-Presidente del Senato della Repubblica, aveva dato senza troppi problemi dell’orango alla allora Ministra per l’integrazione Cécile Kyenge, di origine congolese. Dopo una incredibile pronuncia della Commissione Affari Costituzionali del Senato, che a maggioranza aveva ritenuto lo scorso febbraio le parole di Calderoli protette dalla insindacabilità parlamentare in quanto opinioni di natura politica rese nell’esercizio delle proprie funzioni (qui il sunto della vicenda con le opinioni dei Commissari), si scatenava un terremoto nel PD, che si affrettava a precisare che l’Aula del Senato si sarebbe poi certamente espressa contro Calderoli. Passiamo alla seduta n. 505 (antimeridiana) del 16 settembre 2015, soli sette mesi dopo: la maggioranza dell’aula del Senato vota con 196 voti a favore e 45 contrari (ecco l’elenco dei nomi e cognomi per la votazione n. 2) e respinge l’autorizzazione per il reato di istigazione all’odio razziale, pur dando il via libera a procedere nei confronti del senatore della Lega per diffamazione. Secondo la legge, peraltro, non essendoci stata una querela diretta da parte della Kyenge, ma da una parte terza, il procedimento penale in corso a Bergamo si reggeva grazie all’aggravante dell’istigazione all’odio razziale: venuta meno questa, l’intero processo, che si baserebbe solo sul reato di diffamazione senza dunque l’aggravante, non reggerebbe più.

È interessante scorrere il resoconto stenografico della seduta per farsi un’idea del dibattito, ma sono significative le dichiarazioni di Calderoli, che in aula dice: “sbagliando ho proferito una battutaccia estremamente infelice, che solo dopo ho compreso poter essere offensiva, ma vi giuro sul mio onore che in quel momento la mia volontà era solo quella di fare una battuta”. E continua: “il Ministro ha dimostrato con i fatti di aver accettato veramente le mie scuse visto che, diversamente da eventi analoghi, non ha presentato querela contro di me, né si è costituita come parte civile nel procedimento”. “La mia battuta era ed è sicuramente censurabile – prosegue – e sono il primo a riconoscerlo ma tirare in ballo l’istigazione all’odio razziale della legge Mancino mi sembra francamente eccessivo. Ho detto una sciocchezza di cui mi sono pentito, scusato, strascusato e per qualche mese sono stato tenuto in panchina come Presidente”. Insomma per Calderoli, ed evidentemente per la maggioranza dei senatori della Repubblica, paragonare ad un orango una donna nera è una battuta di spirito. E sapete una cosa? Io sono pronto a credere che egli ne sia davvero convinto, come probabilmente molti di coloro che hanno votato a suo favore. Ed è questa la vera tragedia culturale che emerge dalla vicenda: una classe politica si qualifica come totalmente analfabeta rispetto alle più elementari norme di civiltà che abbiamo faticosamente conquistate, incapace di comprendere come quell’insulto portasse con sé una infame eredità di disprezzo per l’altro, considerato subumano, di rango inferiore, sullo stesso piano di un animale. Costoro, pur sedendo in uno dei luoghi più alti in cui si fa la democrazia, ne ignorano – volutamente o per crassa ignoranza – le fondamenta, come l’articolo 3 della nostra Costituzione, secondo cui “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

È stata una ben triste mattinata quella in Senato, conferma del fatto che in questo Paese, al centro di una crisi migratoria che ha tratti geopolitici e umanitari di respiro mondiale, si sia sfacciatamente convinti che la libertà di opinione, garantita dalla Costituzione, sia svincolata da ogni limite di rispetto della persona e dei suoi diritti. La grottesca votazione al Senato segue di poco la vicenda relativa alla campagna montata contro l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) per la presunta censura contro le dichiarazioni rese dall’On.Giorgia Meloni, parlamentare dei Fratelli d’Italia. Quello che per molti è arduo comprendere è che azioni o dichiarazioni che violino la legge della Repubblica che disciplina la parità di trattamento e la lotta al razzismo non possono (e non devono) passare sotto silenzio, neppure – anzi, soprattutto – se ad opera di rappresentanti delle Istituzioni: regola aurea che vale per il caso Unar come per il caso Calderoli. Sono stati inferti colpi micidiale alla cultura antirazzista che pure fatica ad affermarsi, passando come ragionevoli dichiarazioni che mettano all’indice popolazioni che professino una determinata religione e sancendo incredibilmente che d’ora in poi un nero possa essere chiamato scimmia senza conseguenza alcuna. E magari un ebreo caratterizzato col naso adunco, un gay apostrofato come frocio, una donna additata come puttana. Sono battute, si sa: non fanno ridere?

Parzialmente rielaborato da post su Linkiesta

Contrassegnato da tag , , , ,

UNAR for dummies

Mentre in rete dei novelli Voltaire denunciano il #bavagliodistato (addirittura!) per la nota che il Direttore dell’UNAR, Ufficio Nazionale Anti Razzismo, ha inviato alla parlamentare di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, impazza una tempesta mediatica in cui si fatica a ritrovare il senno. In un’epoca in cui un tweet o un’immagine la fanno da padroni, è laborioso capire: ma proviamoci. Benvenuti dunque a UNAR 101: UNAR for dummies.

L’Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica (UNAR) è stato istituito con il decreto legislativo 9 luglio 2003, n. 215, di recepimento della direttiva comunitaria 43 del 2000. Tale direttiva attuail principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica e “mira a stabilire un quadro per la lotta alle discriminazioni fondate sulla razza o l’origine etnica” (art. 1) applicandosi “a tutte le persone sia del settore pubblico che del settore privato, compresi gli organismi di diritto pubblico” (art. 3). Gli Stati membri devono, inoltre, istituire “uno o più organismi per la promozione della parità di trattamento di tutte le persone senza discriminazioni fondate sulla razza o l’origine etnica”. Gli Stati dell’Ue, in altre parole, votano una direttiva con la quale si obbligano a favorire la parità di trattamento e la lotta al razzismo. Tre anni dopo l’Italia sceglie di attuare la direttiva con un decreto legislativodel 9 luglio (Governo Berlusconi II), individuando “come discriminazioni […] quei comportamenti indesiderati, posti in essere per motivi di razza o di origine etnica, aventi lo scopo o l’effetto di violare la dignità di una persona e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante e offensivo” (art. 2). Per attuare gli obblighi di legge è istituito (art. 7) l’Ufficio per il contrasto delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica, col compito “di svolgere, in modo autonomo e imparziale, attività di promozione della parità e di rimozione di qualsiasi forma di discriminazione fondata sulla razza o sull’origine etnica”.

L’UNAR dunque non può che rilevare ed evidenziare a favore della pubblica opinione tutti quei fatti che, segnalati da cittadini o associazioni, violino le norme dello Stato. E tale era la fattispecie rappresentata dalle dichiarazioni dell’on. Giorgia Meloni pubblicate sul giornale online stranieriinitalia.it, in cui sosteneva che si deve evitare “di importare in Italia un problema che oggi non abbiamo: basta immigrazione e soprattutto basta immigrazione da paesi musulmani. La (piccola) quota di immigrati che reputiamo necessaria prendiamola da quei popoli che hanno dimostrato di non essere violenti”. In più aggiungeva: “Premiamo allora chi ha dimostrato di integrarsi con maggiore facilità. Per gli altri, porte chiuse finché non avranno risolto i problemi di integralismo e violenza interni alla loro cultura”. La presunta “censura di Stato” alla deputata Meloni si concretizzava in una nota con cui si evidenziava come “una comunicazione basata su generalizzazioni e stereotipi non favorisca un sollecito ed adeguato processo di integrazione e coesione sociale”, invitandola a “voler considerare, per il futuro, l’opportunità di trasmettere alla collettività messaggi di diverso tenore” rispetto al tema dell’immigrazione, in particolar modo dai Paesi musulmani.

Nessun “ufficio valutazione e censura delle opinioni”, come sostiene Giorgia Meloni, dunque. Nessun Minculpop d’antan o, come qualche parlamentare ha arditamente dichiarato, “polizia politica”. E neppure burocrati ai quali “è stato dato il potere (e il compito) di decidere cosa si possa e non si possa dire”. L’on. Meloni conduce una legittima e innegabilmente efficace propaganda politica: le foto in rete col bavaglio possono essere suggestive, non c’è che dire. Tuttavia, fatti alla mano, non hanno alcun fondamento. Inutile tirare in ballo le guarentigie parlamentari, che nessuno ha messo e mette in discussione. Ed altrettanto inutile scrivere lettere al Presidente del Consiglio dei Ministri o al Presidente della Repubblica, i quali hanno il dovere di far rispettare le leggi dello Stato. Il punto è che azioni o dichiarazioni che violino la legge della Repubblica che disciplina la parità di trattamento e la lotta al razzismo non possono (e non devono) passare sotto silenzio, neppure – anzi, soprattutto – se ad opera di rappresentanti delle Istituzioni, e ricade fra i compiti dell’UNAR il dovere di porle all’attenzione della pubblica opinione. Sarà il clima che si respira, evidentemente, purtroppo molto spesso irresponsabilmente surriscaldato da taluni, in cui ogni freno inibitorio sembra andato smarrito, ma è ben triste che tali elementari norme di civiltà debbano essere spiegate. Anche ai dummies.

Pubblicato su Formiche

Contrassegnato da tag , , , ,

Quella banalità del male che scorre in rete

Difficile trovare spiegazioni di senso all’ondata di odio razzista che si è ormai scatenato in rete: basta digitare qualche termine chiave per restare inorriditi della ferocia con cui si esprimono posizioni che in un paese civile dovrebbero essere condannate senza appello. Sono ormai saltati tutti i freni inibitori della brava gente dello Stivale, quasi vivificati nel poter affidare al web qualsiasi commento che riguardi le categorie preferite dal razzista nostrano: “negri”, “zingari”, “clandestini”, “froci” e così via. Idee poche ma ben chiare: l’invasione straniera (meglio se musulmana) e conseguente minaccia dell’estinzione della razza bianca, secondo alcuni orchestrata dalle Nazioni Unite; l’orgogliosa rivendicazione di essere #padroniacasanostra (hashtag fatto proprio anche da un Governatore di una delle più importanti regioni italiane); l’immigrato o lo straniero criminale per definizione, di fatto animale guidato dai più bassi istinti predatori, come illustra con dovizia di particolari un sito vergognoso come questo; il disgusto per gli “invertiti” contro natura. Una enorme chiazza nera telematica che viene abilmente agitata da certa politica, che soffia sul fuoco e aizza gli animi: respingimenti, affondamenti di barconi, pene sommarie e castrazioni chimiche per gli immigrati criminali, tali per definizione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E i frequentatori della rete non si tirano indietro. Impossibile identificare una tipologia del professatore di odio: a parte profili dichiaratamente fascisti o nazisti, regna la persona comune, dal giovane studente all’impiegato con pancetta, sino alla arzilla nonnina che tweetta mentre armeggia in cucina. Ecco allora signore di mezza età che professano apertamente il loro credo fascista e augurano soluzioni finali per gli zingari, anziane inoffensive che si fotografano col cane e parlano di clandestini maiali, medici anestesisti che si professano serenamente razzisti e ragazzine che annunciano allegramente di andare al mare per affogare i clandestini. La banalità del male, avrebbe detto qualcuno. Non mancano naturalmente foto di scimmie tranquillamente accostate a quelle dell’europarlamentare ed ex ministra per l’integrazione Cécile Kyenge, insulti sessisti alla Presidente della Camera Laura Boldrini, “amica dei negri”, indicibili ignominie indirizzate a Khalid Chaouki, giovane parlamentare del PD. Fino a scivolare nel grottesco: profughi grassottelli e con i tablet, colonizzazioni africane e genocidi razziali a danno degli Italiani, i maledetti preti che non accolgono i migranti nelle chiese, la paradossale condanna del razzismo dei finti italiani contro gli italiani veri, leggende di maestre elementari che spiegano fantomatiche teorie gender con dildo e posizioni acrobatiche. Approcci primitivi e di pancia che calpestano secoli di storia e la dignità di un Paese che, tra le mille difficoltà che vive, conta sul valore e la solidarietà di chi ogni giorno salva decine di vite di disperati da morte sicura. Quanti sono i razzisti del web? Chi sono? E cosa dicono, cosa fanno, come si comportano nella vita reale, faccia a faccia? Da dove esce questo ignobile frullato di incultura che appesta la rete? E, soprattutto, cosa fare? Non aveva tutti i torti Umberto Eco a evidenziare che “i social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. E’ l’invasione degli imbecilli”. Ma è comunque difficile fare i conti con tanto odio o con tanta imbecillità, quando la forza di una democrazia matura è quella di garantire la libertà di espressione, anche quella così ripugnante. Credo, tuttavia, che non basti ignorare il fenomeno: va combattuto, va diffuso, va reso evidente e va condannato con forza. Va contrastato legalmente, quando se ne verifichino le condizioni. È una lotta culturale, evidentemente, che deve aver spazio nella quotidianità, nelle scuole, nei luoghi di lavoro. E tocca a ciascuno di coloro che hanno a cuore una comunità che possa dirsi tale ricordare che i diritti si sommano, non si contrappongono. A dispetto degli imbecilli.

Aggiornato il 30 Agosto 2015

Contrassegnato da tag , , , ,

L’odio per la politica e la politica dell’odio

Strano a pensarci. Da un lato le recentissime elezioni regionali hanno confermato il clamoroso dato dell’astensione, in virtù della quale un elettore su due non vota, probabilmente stufo di certe dinamiche della politica. Dall’altro, si fa strada la stessa politica che ragiona sempre più in termini di dicotomia assoluta amico/nemico, con un preoccupante protagonismo di formazioni di evidente impronta fascista. E’ un circolo vizioso in cui è difficile capire dove sia la causa o l’effetto. Siamo in presenza di partiti e movimenti a fortissima impronta leaderistica che vedono spesso fortune o tracolli a seconda dell’appetibilità mediatica del Capo e che, evidentemente, non trovano più il consenso di solo una manciata di anni fa. Ha ragione il Presidente della Repubblica a dirsi preoccupato: non possiamo archiviare come delega in bianco il fatto che metà di questo Paese rinunci ad esercitare il principale diritto proprio di un regime democratico. Non rileva tanto il drenaggio di voti che ha colpito praticamente tutti i partiti, eccezion fatta per la Lega, ma un calo di partecipazione che impoverisce la vita del Paese. Semplicemente, non si può far finta di nulla, soprattutto in una fase storica così delicata di uscita dalla una delle peggiori crisi economiche della storia Italiana. Non votare, naturalmente, è un diritto, ma spetta alla politica riflettere seriamente sui perché di questa disaffezione, che credo solo in parte sia riconducibile all’ondata di scandali degli ultimi anni. Gioca un ruolo fondamentale, a mio avviso, la personalizzazione spinta delle formazioni politiche, che sembrano ormai ridotte a grandi comitati elettorali a favore del Capo e che rendono pressoché inutili le attività sui territori, funzionali alla spinta di vertice. Non un odio per la politica, forse, ma una insofferenza crescente a dinamiche che hanno ancor più allontanato quella che dovrebbe essere la più nobile delle arti dalla portata del cittadino comune. Quello che arriva invece forte e chiaro è un messaggio molto divisivo della società, cosa che partiti politici maturi dovrebbero evitare come la peste: è palpabile la spasmodica ricerca del nemico del giorno, contro cui riversare le colpe di una società ingrippata e sempre più diseguale. Possono essere i burocrati che remano contro, i dissidenti nei partiti che fanno il gioco dell’avversario, l’immigrato in fuga ma col cellulare,  i gay che – maledetti testardi – vogliono sposarsi, i rom ladri e assassini. A proposito di rom, sembra pazzesco ma abbiamo parte del dibattito nazionale avvitato su un tema non-tema: pare ormai pacificamente accettato da molti che se 180.000 persone, corrispondenti allo 0,25% (!) del totale della popolazione italiana, “andassero a casa” (ma dove?), l’Italia tornerebbe ad essere il paese di Bengodi. Sono mantra recitati come un rosario da tutti gli schermi televisivi, con effetti devastanti in termini di lacerazione del tessuto sociale. È la nuova politica dell’odio che, invece di legare una comunità su basi comuni, tende a escludere, isolare, colpevolizzare: è un’Italia molto brutta, di pancia, quella che urla davanti ai microfoni o scrive sui social network, che fa ricordare quasi con tenerezza l’Italietta di Radio Parolaccia di tanti anni fa. Ed è un’Italia che a me, personalmente, non piace.

Pubblicato su Linkiesta

Contrassegnato da tag , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: