Archivi tag: Hate speech

Cristian Movio, Luca Scatà e le idee della Repubblica italiana

aaeaaqaaaaaaaa2waaaajgy2otk3ztfmlwnjntutndkwni04mze5lwy3ztuwmtk3yjczyq

Secondo il Bild – notizia riportata in Italia dal Corriere della Sera – i due agenti della Polizia di Stato che hanno fermato e ucciso Anis Amri, il terrorista assassino che a Berlino aveva ammazzato dodici persone, non meritano di ricevere l’onorificenza che il Governo Tedesco sembra avesse in animo di conferire loro. Il motivo? Le opinioni che i due avrebbero espresso sui loro profili social, che vanno dall’esaltazione di Mussolini a commenti razzisti contro gli immigrati. In soldoni, apologia di fascismo, cosa su cui i Tedeschi non fanno sconti. Ove queste notizie corrispondessero al vero, roba difficile da digerire. Imbarazzante, certamente. Se così fosse, dovremmo tutti porci qualche domanda. Cominciando dal chiederci, in primo luogo, se sia ammissibile e tollerabile che le pagine dei social media siano inondate da deliri fascisti e razzisti, lanciati e rilanciati quasi con noncuranza. Qualcosa si sta muovendo per arginare il fenomeno, ma ancora troppo poco, evidentemente. Se una società sana non può che rifiutare derive di questo tipo, diventa ancor più grave che dei servitori dello Stato, per di più appartenenti alle forze dell’ordine, possano esprimere in libertà certe opinioni senza conseguenze. Sia chiaro: Cristian Movio e Luca Scatà devono ricevere sempre e comunque la gratitudine dei loro concittadini, per aver compiuto il loro dovere a rischio della vita. Ed hanno il diritto, come tutti gli Italiani, a dar voce in piena libertà alle loro opinioni, tutelate dall’articolo 21 della nostra Costituzione. Può, però, un civil servant, impegnato nella difesa delle Istituzioni democratiche, sostenere idee che sono in aperto contrasto con la Carta fondamentale del Paese? La risposta, evidentemente, è no. Par di capire che i profili dei due ragazzi siano stati oscurati e non siano più consultabili: la tutela della loro sicurezza personale assume, ovviamente, carattere imperativo. Occorre, tuttavia, fare uno sforzo ed astrarsi dal caso specifico che riguarda Cristian e Luca e porsi seriamente il problema della fibra democratica di chi ha la funzione fondamentale di tutelare l’ordine pubblico e la sicurezza dello Stato. Mai generalizzare, certamente. Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e tutte le donne e gli uomini che hanno il compito di difendere le Istituzioni sono una ricchezza di questo Paese: basti citare gli sforzi compiuti in ogni occasione, dalla lotta al terrorismo, al contrasto alle mafie, all’aiuto nelle situazioni di disastro ed emergenza. C’è da essere orgogliosi delle nostre divise. Per indossarle, però, occorre sposare fedelmente la Repubblica. Non contano le idee politiche, tutte legittime se di casa nell’alveo del dibattito democratico. Pulsioni antisistema, tuttavia, che inneggino a ideologie totalitarie o alla supremazia razziale vanno non solo condannate, ma isolate ed espulse. A tutela delle stesse forze di sicurezza e, dunque, del Paese. Su certe cose la Germania non scherza. Dovremmo far sul serio anche noi.

Pubblicato su Formiche

Contrassegnato da tag , ,

Quei cani di statali

aaeaaqaaaaaaaavnaaaajge3nzk1mzlllwy0zjetndvkmi1hogqzltc5mgnlymu1ogfjmw

Quando sembra si sia toccato il fondo del barile, c’è sempre spazio per un lampo di genio. E si comincia a scavare. È il caso della trovata di Alberto Forchielli, noto imprenditore ed esperto di economia e di affari internazionali, spesso ospite di trasmissioni radiofoniche e televisive. Nella puntata di “24 mattino” del 7 febbraio, seguitissimo appuntamento mattutino di Radio 24 condotto da Alessandro Milan, ha proposto la sua personalissima ricetta contro l’assenteismo degli statali: “Ho io la soluzione contro l’assenteismo. Gli statali andrebbero microchippati come i cani“. Nulla di nuovo sotto il sole, potrebbe sembrare. Basta farsi un giro in tv o sui social media per vedere quale sia da tempo il clima ed il comune sentire contro i dipendenti pubblici. Non sono critiche che piovono dal cielo, beninteso, ma reazioni di pancia alle storture che le nostre pubbliche amministrazioni presentano, al pari di tutte le burocrazie pubbliche del pianeta. Inutile, purtroppo, attendersi un ragionamento di sistema: il randello, per di più brandito da coloro che potremmo definire degli influencer, solletica i più. Non val la pena, per non imbarcarsi in un reciproco annoiarsi, rientrare per l’ennesima volta nel merito di come possano o meno presentarsi e interpretare i dati sulle assenze o nella inutile dicotomia pubblico/privato. E neppure osservare – mestamente – che la diffusa frustrazione dei leoni da tastiera porta al paradosso che la massima felicità corrisponda al fatto che tutti i lavoratori debbano star peggio: il dipendente pubblico è naturalmente, per definizione, un privilegiato. Ora, se il punto è dare un taglio all’odioso fenomeno dei rubagalline che timbrano e vanno al bar, basta mettere dei tornelli in luogo delle macchinette a muro: i furbetti spariranno. Problema risolto. Altra questione è far sì che il dipendente presente alla scrivania lavori. Come? Qualcuno, grazie alla epocale riforma di turno, se ne occuperà. Se si sostiene, invece, che gli assenteisti truffatori sono tanto più insopportabili perché pagati con denaro pubblico, si deve concordare al 100% ed aggiungere che vanno mandati a casa senza perder tempo. Senza illudersi, però, che tagliando teste aumenterà magicamente l’efficienza della macchina pubblica. Aldilà delle solite, noiosissime questioni, il punto che più dovrebbe interessare, tuttavia, è che non si trovi preoccupante l’avvenuto sdoganamento di certi linguaggi verso una parte di cittadine e cittadini Italiani che, nella stragrande maggioranza, fanno il loro lavoro con coscienza, né più né meno degli altri Italiani dipendenti privati che lavorano nelle banche, nelle compagnie telefoniche, nei diversi settori dell’industria. Far passare senza ribattere che ai lavoratori pubblici vada impiantato un microchip, come ad un cane, non può essere visto solo come una – grottesca – provocazione. Dileggiare e, soprattutto, disumanizzare le persone, ridotte al rango di animali, insinuando che una intera categoria sia, per il sol fatto di operare nel pubblico, colpevole è un approccio degno del miglior regime orwelliano. Siamo, si direbbe, in piena post-verità. La vicenda, anzi, al pari delle tante altre che costellano il dibattito pubblico ed in rete su questi temi, ricade appieno nella categoria ormai nota dell’hate speech, delle affermazioni che, implicitamente o esplicitamente, incitano all’odio. Il famoso “popolo della rete” ama far polpette di chiunque, e gli “statali“ (ma chi sono, poi, questi statali?) sono un boccone ghiotto. Va pretesa, però, la dovuta responsabilità da parte di chi abbia l’opportunità ed il privilegio di rivolgersi al grande pubblico. Altrimenti è un tutti contro tutti che mina alle basi il tessuto civile del Paese: burocrati lassisti contro politici ladri, contro giornalisti venduti, contro imprenditori che lavorano col nero. Ecco, giocare al massacro fa indignare, anche se non sembra più di moda. A volte, tuttavia, ci si riesce ancora. Ci si deve riuscire.

Pubblicato su Linkiesta 

Aggiornamento dell’8 febbraio: dopo la pubblicazione del post, caso vuole che su “Il Messaggero” appaia un articolo che apre come segue: “In Belgio l’era dei furbetti da cartellino si avvia al tramonto. Otto dipendenti di una società hanno accettato di farsi impiantare un chip elettronico: ha le dimensioni di un chicco di riso e alloggia comodamente nella mano. I nuovi minotauri aziendali, metà uomo e metà badge, adesso posso “timbrare” e accedere ai loro computer senza l’ausilio di tessere o pennette“. Caro Big Brother, benvenuto.

Contrassegnato da tag , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: