Esiste un “caso” Raineri a Roma?

raggi-raineri-2

Non sono mancate e non mancano le polemiche sugli incarichi attribuiti a Roma da Virginia Raggi, con accuse e rimpalli circa l’opportunità e la qualità di alcune nomine ed i relativi compensi. Val la pena, tuttavia, ricordare che la gran parte di queste nomine sono di natura fiduciaria e ricadono nella sfera di discrezionalità propria del Sindaco, il quale, naturalmente, se ne assume la responsabilità politica: molto rumore per nulla, insomma. Appare, invece, una questione a parte quella relativa alla figura del Capo di Gabinetto e alla chiamata di Carla Raineri, magistrato già in servizio nel periodo di commissariamento della Capitale. Molte delle critiche delle opposizioni e di parte della stampa si sono concentrate sul compenso, giudicato da molti, anche parte della base “grillina”, troppo elevato. Come ha spiegato la stessa Raineri, giudice di Corte d’Appello a Milano, lo stipendio è legato alla sua posizione in carriera, come per tutti i magistrati. Illogico – e, francamente, populista – pretendere che la stessa rinunci ad una fetta consistente dei propri emolumenti: passi lo spirito di servizio, ma la competenza deve avere un peso, che si rispecchia anche nel proprio stipendio. Va infatti di moda, da tempo, un insopportabile pauperismo moralisteggiante che, a mo’ di rivalsa nutrita di frustrazione, non vuole riconoscere il dovuto a chi ha studiato e lavorato negli anni. Da rispedire al mittente. Sgombrato il campo da questa insopportabile disputa di bottega, sono due i temi su cui, a mio parere, ci si dovrebbe interrogare.

Il primo, su cui ha recentemente scritto in modo assai chiaro Luigi Oliveri, verte sulla necessità della figura del Capo di Gabinetto in un Comune: a differenza dei ministeri, infatti, dove deve supportare il ministro nell’attività politico-amministrativa di primo piano, coordinando una struttura di servizio che sia, allo stesso tempo, cerniera con la macchina amministrativa, negli enti locali tali funzioni sono per legge assegnate alla Giunta. Ammettiamo comunque, per amor di discussione, che nella Capitale del Paese, per la sua valenza politica e di peso delle strutture e dell’impatto a livello nazionale, il Sindaco avverta la necessità di dotarsi di una figura di questo tipo: transeat. Altrettanto importante appare, però, il secondo punto, richiamato da Antonio Esposito sul Fatto Quotidiano, che investe una apparente ovvietà, non casualmente trascurata da tutti i commentatori: “Forse è giunto il momento che i magistrati facciano (solo) i magistrati con divieto assoluto di accettare – salvo ipotesi di dimissioni, non essendo sufficiente la mera aspettativa – incarichi politici”. Traducendo: ognuno faccia il suo mestiere.

Il tema è stato affrontato ripetutamente negli anni e si è intrecciato con tema del funzionamento della macchina pubblica: nota la querelle sui potenziali conflitti di interesse in capo ad esponenti delle magistrature – in particolar modo amministrative – che vengono puntualmente e amorevolmente chiamati dalla politica a ricoprire ruoli di capi degli Uffici Legislativi e dei Gabinetti dei ministeri e che si trovano prima nell’amministrazione attiva e, subito dopo, a giudicare degli atti di quella stessa amministrazione in cui operavano. Il punto di fondo resta sempre il medesimo ed è legato al principio tutto nostrano per cui il magistrato è un asso pigliatutto, un jolly da giocare sempre e comunque, apparentemente dotato di capacità trasversali e illimitate. Per esser chiari: non si mette in dubbio la capacità professionale delle magistrature, che rappresentano un’eccellenza del nostro Paese. E men che mai quella della Raineri, il cui curriculum è esemplare. Ma rimane incomprensibile perché si continui, pervicacemente, ad attribuire funzioni che poco hanno a che fare con il supporto all’attività politico-amministrativa del vertice politico a chi, per mestiere, è deputato ad amministrare la giustizia.

A dir la verità, fu lo stesso Renzi a sollevare rumorosamente la questione nel varare il suo Governo, anche se nella pratica molto poco appare cambiato. Finché non vedremo qualche dirigente vestire la toga per chiamata diretta (Dio ce ne scampi!), sarebbe più razionale e rispettoso degli equilibri del sistema limitarsi a fare il proprio mestiere.Ciascuno al posto giusto, in tutti i livelli di Governo. È così difficile?

Pubblicato su Formiche

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: