Vi racconto la guerra dei rifiuti a Roma

Imagoeconomica_8684501

L’esordio della nuova Giunta pentastellata di Virginia Raggi non è stato dei migliori. Pesa, infatti, come un macigno la gestione traballante della vicenda rifiuti che ormai sta raggiungendo livelli non degni della Capitale di questo Paese. Mentre cominciano a circolare sui social network foto di gabbiani che divorano roditori in strada, l’aria si fa sempre più pesante. E non solo per il fetore che ormai appesta le strade romane. È in corso un vero e proprio duello all’arma bianca fra la neo assessora all’Ambiente Paola Muraro ed il dimissionario presidente di AMA, Mauro Fortini, che non risparmia colpi di scena quotidiani. I giornali ormai hanno addentato il boccone delle passate consulenze di Muraro che replica minacciando di dossier scottanti tenuti nei cassetti (perché, poi, non vengano tirati fuori è un mistero) e che, con poco garbo istituzionale, affida la sua replica al blog di Beppe Grillo. L’opposizione, molto poco sobriamente, le appiccica il nomignolo di “Assessore Milioncino”. È guerra totale, insomma, mentre ai cittadini non resta che fare lo slalom fra i rifiuti abbandonati per strada. C’è da sperare, naturalmente, che la stessa foga che tutti gli attori impegnano nelle polemiche d’agosto possa essere profusa nel trovare una soluzione responsabile allo scempio di Roma. Uno scempio, è bene ricordarlo chiaramente, che non vede nessuno esente da colpe.

Non le forze politiche, di qualsiasi schieramento, che non sono riuscite e non riescono a tenere in piedi un sistema di gestione dei rifiuti urbani efficiente e trasparente, per il quale i cittadini pagano tasse alte. Non l’AMA che, aldilà di singole responsabilità, ha purtroppo mostrato negli anni di non saper trattare con modalità efficaci la sua missione aziendale e, allo stesso tempo, adottare politiche del personale pienamente trasparenti e meritocratiche. In gran parte non siamo innocenti neppure noi: i cittadini di Roma, sempre pronti a stracciarsi le vesti indignati e a condannare senza appello la politica, la burocrazia, l’informazione, tollerando l’intollerabile e, salvo pochi benemeriti casi, tirare a campare. Sarebbe da chiedersi da dove spuntino i rifiuti in strada, le discariche abusive, le cataste di sacchi di materiali e residui alimentari sui marciapiedi dei negozi, dei bar, dei ristoranti. Insomma, un bubbone pronto ad esplodere. In questo quadro desolante, tuttavia, è stucchevole l’accanimento sulla persona. Fino a prova contraria chiunque, inclusa Paola Muraro, ha il diritto di rivendicare la propria correttezza ed onorabilità. E se opposizioni e stampa hanno il dovere di chiedere spiegazioni, su tutti grava l’onere di non trasformare una questione di interesse generale in una zuffa da cortile. Andrei oltre, però, domandando se esista, aldilà dei nomi e delle responsabilità di Tizio o Caio (su cui, come si dice in questi casi, faranno luce le autorità competenti), un piano articolato di proposte concrete e attuabili sul come affrontare la questione rifiuti a Roma. E farlo in modo strutturale e non emergenziale. Sulla questione dell’azienda dei rifiuti, oggetto della contesa di queste settimane, si legge nelle linee di governo della Sindaca, presentate nei giorni scorsi, che “è necessario intervenire con un programma di efficientamento prevedendo l’adozione ed introduzione di un modello organizzativo di compliance a cui si devono attenere Dirigenti e Quadri e Funzionari aziendali, ove per compliance si intende la verifica di conformità del modello organizzativo a leggi, norme, regolamenti (esterni ed interni), contratto di servizio con Roma Capitale, carichi di lavoro, etc. nella erogazione dei servizi”.

Ecco, va bene chiedere che AMA rispetti le norme, ci mancherebbe altro, ma come evitiamo che l’azienda sia preda di dinamiche di potere e spartitorie? Come facciamo sì che si ponga al livello delle analoghe organizzazioni in Europa? Correttamente si prevede nel programma di marciare su prevenzione e riduzione dei rifiuti, raccolta differenziata e riciclo, monitoraggio e controllo: è necessario, tuttavia, intervenire sul piano organizzativo e sulla corretta impostazione dei rapporti con il Comune, senza crociate o assalti alla baionetta, ma mettendo in campo una visione di quel che vogliamo sia la città fra cinque anni. Le baruffe di piccolo cabotaggio hanno fatto il loro tempo: Roma non può davvero più permettersele.

Pubblicato su Formiche 

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: