Quella Giunta che non giunge

raggi

Dopo lo tsunami 5 Stelle a Roma si è insediata la prima Sindaca della Capitale, eletta con un fragoroso 67,15% al ballottaggio contro Roberto Giachetti del PD, contando su un gruzzolo di quasi 800.000 voti. Non solo: dei quindici municipi romani, solamente due restano al PD. Roma non sarà l’Italia, certamente, ma se ci aggiungiamo Torino e gli ultimi sondaggi, le prospettive di governo – locali e nazionali – del Movimento 5 Stelle non sembrano più così peregrine. Lecito, naturalmente, muovere critiche ai pentastellati, da più parti accusati di una vena populista addebitabile non solo a Beppe Grillo ma a buona parte della sua base. Movimento apolitico per eccellenza e fuori dagli schieramenti, la realtà a 5 Stelle sembra possedere la capacità di assumere i connotati più utili al momento, soddisfacendo le richieste di un elettorato sempre più disilluso e mutevole nei suoi umori. Critiche doverose, dunque, se mosse con lo scopo di porre sotto la lente di ingrandimento le azioni del politico di turno e la sua coerenza rispetto alle promesse del suo programma elettorale. Trovo però pretestuosi i continui attacchi della stampa e delle opposizioni politiche a Virginia Raggi per i ritardi nella formazione della Giunta capitolina. È vero: la squadra di Governo era stata promessa da tempo, addirittura prima del ballottaggio, ed ad oggi sui nomi non c’è ancora chiarezza. Anzi, si guerreggia su nomine (alcune discutibili dal punto di vista amministrativo) e posizionamenti interni. Di tutta evidenza che quando dalla politica proclamata si passa alla politica amministrata si cominciano a tirar fuori misurini e bilancini per accontentare tutte le sensibilità (termine politically correct molto caro al centro-sinistra) e serrare i ranghi delle correnti. E dov’è lo scandalo? È la politica: funziona così. Solo delle anime belle – o chi maliziosamente fa il gioco sporco – possono scandalizzarsi che si stia lottando furiosamente fra fazioni per assicurarsi i posti chiave e far valere le proprie forze all’interno del Movimento e in uno scacchiere così importante come quello della Capitale del Paese. In passato è accaduta esattamente la stessa cosa e così accadrà all’indomani di qualsiasi elezione e in occasione della formazione di qualsiasi Giunta o Governo. Ecco perché accusare la neo Sindaca di aver fatto una falsa partenza mi sembra sterile: non siamo in una gara sui cento metri, ma in una maratona. E la maratona di Roma, come tutti i romani sanno bene, è la più difficile di tutte. O pretendiamo ancora di credere alla favoletta dei risultati entro i primi cento giorni di Governo? Da cittadino romano chiedo, ed anzi pretendo, che ci si prenda tutto il tempo necessario per formare la nuova Giunta, anche tirandosi le sedie del Campidoglio, se necessario, ma che si arrivi ad una composizione che miri a garantire funzionamento ed efficienza per la città. Le critiche vengano il minuto dopo, quando Sindaca ed Assessori cominceranno ad assumere atti concreti e misurabili che impatteranno sulla vita dei cittadini. Solo allora potrò prender parte al coro delle critiche, e solo ad un patto: che quelle critiche siano fondate, serie e coerenti. Del chiacchiericcio politicante e ideologizzato ne ho abbastanza. E come me, tantissimi Italiani. Le forze politiche, M5S in testa, è bene se lo ricordino.

Pubblicato su Linkiesta

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: