Dirigenti sul podio (fuffa inclusa)

E anche Report si occupa, più che legittimamente, della questione della retribuzione di risultato per i dirigenti pubblici. Magari, chissà, con un occhio al tema del sistema della valutazione. Questa, tuttavia, l’anticipazione dell’inchiesta apparsa sul Corriere della Sera: “Il premio di risultato si ottiene anche se l’obbiettivo non viene raggiunto, ma chi fissa gli obbiettivi, e chi valuta i risultati?”. Potrebbe finire qui, con uno scorato no comment. Però, consentitemi di dire che una trasmissione che fa servizio di informazione pubblica e che gode di un elevatissimo capitale reputazionale non può basare la propria analisi su un elemento palesemente non vero e su una domanda pelosa. Stancamente si potrebbe ricordare che la retribuzione di risultato, spacciata per “premio”, è in realtà un pezzo dello stipendio che viene legato al raggiungimento degli obiettivi: non un di più, dunque. Ma affermare che questa parte dello stipendio viene data anche a chi non raggiunge gli obiettivi ha davvero dell’incredibile. Se così fosse, si vada alla Procura della Corte dei Conti. Ed è davvero sfiancante – sfibrante, direi – la domanda sul chi assegni gli obiettivi e chi valuti. La risposta? Quegli stessi politici che stupiti si lamentano che gli obiettivi siano facilmente raggiungibili! Solito frullatore, insomma. Da cui si esce solo ripensando in modo totalmente diverso il tema della valutazione nel settore pubblico, che ha fatto comodo a tutti (politici e burocrati). Ad esempio non volendo calzare a forza gli schemi da catena di montaggio di un’azienda privata che mira evidentemente ad incrementare i profitti e, conseguentemente, a prevedere premi veri e propri per chi contribuisce a questo risultato, ma puntando sulla capacità del dirigente di fare squadra e far funzionare la struttura che gli viene assegnata. Altrimenti continuiamo a sparare nel mucchio e torniamo al tormentone di chi diceva che “è stata una esperienza umiliante firmare il premio di produttività al livello massimo a tutti i direttori e i dirigenti del Ministero”: rileggere per credere.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

2 thoughts on “Dirigenti sul podio (fuffa inclusa)

  1. Alfredo Ferrante ha detto:

    Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: