Dirigenti pubblici e riforma PA: una replica sul Corriere della Sera

Pubblico qui di seguito la lettera, apparsa oggi sul Corriere della Sera, che ho firmato come Presidente dell’Associazione degli ex allievi della Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA), in replica all’ottimo articolo di Antonella Baccaro di qualche giorno fa su riforma della PA e dirigenza pubblica. Buona lettura.

Caro Direttore,
l’amministrazione pubblica rischia di diventare clientelare per legge e nessuno dice niente, pare. Poi, però, non vogliamo più sentire nessuno incolpare la “burocrazia” di tutti i mali del Paese.
L’articolo di Antonella Baccaro (“Dirigenti statali e incarichi esterni. Così il governo punta al ricambio”, Corriere dell’8 marzo) spiega bene tecnicamente cosa si sta preparando. Ma la cosa non riguarda “noi”, i dirigenti pubblici. Riguarda voi. Riguarda tutti.
Eh sì, perché dopo anni di bocche riempite di “meritocrazia”, di invettive contro stipendi troppo alti e l’invasione della politica nella PA, ci troviamo davanti una riforma che potrebbe arrivare a fare tutto il contrario: la professionalità diventa a chiamata, non solo per ruoli di staff, e la selezione dei dirigenti potrebbe diventare un affare privato. Se proviamo a parlarne siamo tacciati di interesse corporativo, usando persino la Costituzione come paravento (la Costituzione dice cose un po’ diverse, in effetti, chissà poi perché).
Quando si prospetta il rischio concreto che la classe dirigente non serva la Nazione ma il politico di turno, a prescindere da risultati e competenze, si apre uno scenario clientelare senza precedenti. Di cose da aggiustare nella macchina pubblica ce ne sono tante. Siamo noi per primi ad arrabbiarci quando l’inefficienza diventa disservizio al cittadino, e come Associazione dei dirigenti provenienti dalla Scuola Nazionale di Amministrazione abbiamo portato le nostre proposte alla Commissione Affari Costituzionali del Senato.
Se qualcuno fra noi non è capace, vada pure a casa. Siamo noi stessi a chiederlo, anche a pretenderlo, per la verità. Se però adesso si rinuncia alla qualità e autonomia della dirigenza, chi ne subirà le conseguenze saranno i cittadini.
Poi non dite che non l’avevamo detto.
Alfredo Ferrante
Presidente AllieviSNA

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

3 thoughts on “Dirigenti pubblici e riforma PA: una replica sul Corriere della Sera

  1. […] Dirigenti pubblici e riforma PA: una replica sul Corriere della Sera | TANTOPREMESSO.it […]

  2. […] spiegando con chiarezza ai cittadini cosa in questa riforma può e deve essere migliorato. Il pericolo che la dirigenza italiana venga precarizzata e posta sotto schiaffo dal politico di turno esiste: […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: