Quante volte figliola?

L’ennesima, sessista pantomima (qui le parti salienti) del fidanzatissimo capo della coalizione di centro-destra alla prossime elezioni. “Scusi, mi consenta ma non ho capito molto bene, lei viene?”. “Sì”. “Eh, ma, scusi, una volta sola?”. “No” (risate). “Quante volte viene?”. “Tre. quattro, cinque, dipende dalle esigenze”. “Con che distanza temporale?”. E giù applausi. Francamente imperdibile e rivelatore il sottofondo di commenti e grasse risate del video amatoriale filmato dal fan dell’ex Premier che, significativamente, titola su You Tube “Berlusconi grandioso con la sua ironia a Mirano”.

Aggiornamento del 12 febbraio: dopo le inevitabili accuse al Cavaliere, il quale, dal canto suo, nega e dice che era un simpatico scherzo (“lei e’ stata contentissima. Ci sono delle persone maliziose che interpretano male, non c’era nessun secondo fine”), escono fuori raccapriccianti risvolti. La signora Angela Bruno, oggetto delle attenzioni scherzose dell’anziano ex Premier, rivela che il comunicato stampa con cui si dichiarava che la signora stessa era stata divertita e onorata delle attenzioni ricevute, era stato redatto dall’azienda, senza consultarla. “Se la ragazza (sic!) ha cambiato versione, ne trarremo le conseguenze. Siamo stupiti delle sue parole anche se non c’è la volontà da parte nostra di intraprendere alcun provvedimento” (ma quale, poi?), dice l’avvocato Christian Barzazi, fondatore di Green Power e  – ohibò – candidato per il Pdl alla Camera. Non solo. Il Barzazi “ha annunciato – si legge sul sito della società – con la ‘benedizione’ del Cavaliere, la sua candidatura alle imminenti elezioni, alla Camera dei Deputati, nella lista di Giancarlo Galan, con la volontà di dare così il proprio fattivo e concreto contributo alla nazione ed al territorio veneto, bisognosi entrambi di essere rappresentati in modo onesto, imprenditoriale e lungimirante a Roma”. Modestamente.

Ma cos’è Green Power? E’ la società affiliata a Enel Green Power del Gruppo Enel (partecipata al 31% dallo Stato) specializzata in energie rinnovabili. Un’azienda lanciata su un mercato in crescita, competitiva e all’avanguardia. Ma non stona quella che sembra una gigantesca marchetta aziendale a uno dei suoi fondatori? Azionisti e partner non hanno nulla da dire? No. Nessuna osservazione sul fatto che sul comunicato stampa dell’evento di sabato si legga che “Il Cavaliere ha rienunciato i dieci principi liberali che lo hanno motivato ad entrare in politica nel ’94, oggi più che mai validi e contrapposti a quelli degli avversari, fautori del controllare tutto e tutti, dell’entrare pesantemente a gamba tesa nella vita privata di tutti, in modo vessatorio ed illiberale”. Ah. E Green Power è la medesima società che si ispira, a leggere il bilancio di sostenibilità del Gruppo, “a definire orientamenti univoci e valori comuni, applicabili a tutte le persone del Gruppo indipendentemente da genere, età e cultura. In materia di gender diversity, […] intende promuovere una specifica azione di sviluppo manageriale a partire dallo stimolo offerto dalla legge italiana emanata nel luglio 2011, relativa alla parità di accesso agli organi di amministrazione e controllo delle società quotate in mercati regolamentati”. Insomma, parità e promozione delle opportunità per tutte le “diversità” (…). Donne incluse. Ma caro Barzazi, se le cose stanno così, perché diavolo non lo ha messo a posto il Cavaliere? Io proprio non me lo spiego.

Aggiornamento del 14 febbraio: il video che riporto nel post e che esibiva un bestiario di risate e battute è stato rimosso dal ridanciano utente. Forse perché oggi, San Valentino, l’amore vince sempre sull’odio!

Aggiornamento del 20 febbraio: il Cavaliere, dopo lo sfogo di Angela Bruno intervistata a Piazza Pulita su La7, si scusa. A modo suo.

Advertisements
Contrassegnato da tag

5 thoughts on “Quante volte figliola?

  1. eDue ha detto:

    Tutto vero, eh, sessista, scontato, ammirato in quanto tale eccetera.

    Però una volta una mezza riga su queste pupe che, invece di dargli una ginocchiata riparatrice lì giù dalle parti del cervello in nome della categoria, se la ridono avicole e compiaciute…

    Perché se c’è mercato c’è chi vende, ma pure chi compra.

  2. […] ← Quante volte figliola? […]

  3. […] Un’azienda lanciata su un mercato in crescita, competitiva e all’avanguardia (leggere QUI). E dunque noi italiani siamo proprietari del 31% della Green Power.Possiamo permettere NOI che una […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: