Difendere l’indifendibile

Dopo le incredibili dichiarazioni di Silvio Berlusconi rilasciate nella Giornata della Memoria, arrivano puntuali le smentite dell’ex Premier, secondo cui “spiace che qualcuno da sinistra abbia cercato di imbastire una speculazione su mie dichiarazioni con la finalità di fare campagna elettorale”. Inoltre, dichiara: “rivendico il mio ruolo di amico storico di Israele, unico presidio di libertà e di democrazia nel Medio Oriente. Le mie analisi storiche sono sempre state fondate sulla condanna delle dittature“. E, infine: “condanno senza equivoci la dittatura fascista. Sulle mie parole speculazione della sinistra”. Bene. Detto questo, non era meglio mantenere un imbarazzato ma tutto sommato dignitoso silenzio? E invece no. Ecco un breve sunto delle dichiarazioni a supporto dell’ex Presidente del Consiglio.

INAUGURAZIONE DEL MEMORIALE DELLA SHOAH

  • La prima in ordine di arrivo è Adriana Poli Bortone di Grande Sud su Twitter, sostenendo che “Su #Mussolini #Berlusconi ha ragione. Il Fascismo ha inventato lo Stato sociale in Italia”.
  • Secondo Roberto Formigoni le parole del Cavaliere vanno “contestualizzate” (sì, contestualizzate!), mentre Fabrizio Cicchitto parla di “forzatura” e azzarda una sorta di ‘classifica delle dittature’ spiegando: “La dittatura fascista non raggiunse mai l’orrore di quella nazista che produsse i campi di sterminio, e di quella comunista di Stalin. Su Mussolini, adesso si sta aprendo una discussione del tutto strumentale forzando il senso delle parole di Berlusconi che si riferiva evidentemente (evidentemente!) ad alcuni aspetti delle politiche di assistenza sociale e di sostegno alle famiglie”.
  • Parla Maurizio Gasparri: “Le cose più gravi sono la collaborazione con la Germania e l’approvazione delle leggi razziali. Come anche la limitazione delle libertà individuali dei cittadini. Ma continuo a dire che le parole di Berlusconi sono state valutate male. Lui è uno diretto, sincero, e per questo lo si strumentalizza“.
  • Il sito del PdL affollato di dichiarazioni a sostegno del Cavaliere. ”La vergogna dell’Italia non é Silvio Berlusconi, che oggi ha definito le leggi razziali ’la peggior colpa’ di Mussolini, ma Antonio Ingroia (e perché solo lui, poi?) e tutti coloro che da sinistra non si vergognano di strumentalizzare le sue parole nel Giorno della Memoria”, dice Anna Maria Bernini, portavoce del Pdl. Continua il portavoce del Pdl (un altro?Daniele Capezzone: ”E’ surreale che arrivino attacchi contro Berlusconi dagli amici e dai difensori italiani di Hamas e Hezbollah. E sarebbero costoro a poterci dare lezioni?”. E, infine: ”Accusare Berlusconi di aver in qualche modo giustificato le scelte del fascismo é da irresponsabili. A Berlusconi fa schifo ogni forma di totalitarismo così come si sono affermati nella storia dal nazifascismo al comunismo”: lo ha dichiarato, in una nota, il deputato del Pdl Francesco Giro.
  • Lo sport preferito di certa sinistra è il tiro al piccione a Berlusconi, sempre, comunque e in qualsiasi occasione. Una affermazione di per sé non strumentalizzabile (sic!) diventa casus belli se proviene dalla bocca dell’ex premier. La sinistra che oggi a Milano si  è permessa di strumentalizzare una vicenda storica orrenda, dolorosa e disumana come quella della Shoah è indegna a governare. Anziché correre come tanti caproni nella gara a chi la spara piú grossa, farebbero meglio  a pensare a come onorare la memoria dei tanti morti che fanno parte delle nostre radici”. Lo ha dichiaratoDaniela Santanché.
  • Arrivano le dichiarazioni del Segretario politico del PdL, Angelino Alfano: “in questo giorno, queste strumentali polemiche portate avanti, quasi con ritmo ossessivo, dalla sinistra si macchiano di qualcosa di più disonorevole poiché utilizzano la memoria per bassi scopi. Questi attacchi al presidente Silvio Berlusconi sono, dunque, pretestuosi e sganciati dalla realtà perché fanno finta di dimenticare che Berlusconi è da sempre a fianco del popolo di Israele, oltre che sostenitore attento dei principi di democrazia in tutto il Medio Oriente. Questo gravissimo tentativo di distorsione delle parole di Berlusconi mostra con chiarezza l’atteggiamento schizofrenico tenuto sempre dalla sinistra, accecata da un antiberlusconismo di maniera, e conseguentemente la sua incapacità a governare con serenità il nostro Paese”.
  • “Come al solito è stata estrapolata una frase ed è stato montato un caso. Berlusconi ha specificato il suo pensiero”: lo sostiene Mara Carfagna.

  • Inarrivabile, infine, Renato Brunetta: “Credo che Berlusconi abbia detto quello che la maggioranza degli italiani pensano su Benito Mussolini. Credo che gli italiani si riconoscano nelle parole di Berlusconi in questo senso: premettendo che è stata una dittatura, che ha negato le libertà va detto che il fascismo ha prodotto welfare senza democrazia, esattamente come avvenuto in Unione Sovietica”.
Advertisements
Contrassegnato da tag , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: