Sole, merito e mandolino

I soliti professionisti della macchina del fango, dirà qualcuno. Si legge sulla stampa che la dr.ssa Annalisa Vessella in Pisacane, moglie del deputato Michele Pisacane (eletto nell’UDC e, dopo 4 salti intergruppo alla Camera, approdato fra i responsabili del carrozzone di “Popolo e Territorio“), eletta in consiglio regionale campano, “Da poche settimane […] è diventata anche amministratore delegato con ampi poteri dell’Istituto per lo sviluppo agricolo Isa, il cui socio unico è il ministero per le Politiche Agricole, diretto da Francesco Saverio Romano, il parlamentare ancora sotto inchiesta per collusioni mafiose”. Pisacane, per capirci, è quello del famoso “adesso Berlusconi mi sape“, dopo il suo voto al cardiopalma per l’ennesima fiducia alla Camera.

Un cattivissimo Caporale ci fa l’esauriente cronistoria della coppia, strappando amari sorrisi. Con l’animo dell’occhiuto burocrate, comunque, vediamo di capirci qualcosa. Isa, l’Istituto Sviluppo Alimentare, è una controllata del Ministero dell’Agricoltura e, dice il sito, “grazie ad una focalizzazione continua ed esclusiva sulle esigenze e sulle potenzialità del settore, diviene elemento promotore di scelte strategiche, iniziative commerciali e decisioni operative, volte a creare un volano economico significativo e a spingere le imprese del comparto sulla via della competitività e dell’innovazione”. Non che ci abbia capito molto, ma non sono un esperto della materia, diciamo. Provo a cercare la sezione “trasparenza” che dovrebbe riportare, come succede per noi fannulloni comuni, CV e stipendio della dirigenza: a parte una sezione “management” con qualche nome, ben poco. Vediamo allora di cercare il CV della dr.ssa Vessella, di cui ella si fa legittimamente vanto, sul sito della Regione Campania, di cui è consigliere: vuoto pneumatico.

Sono dell’opinione – la solita, noiosissima opinione – che sarebbe opportuno fare una cosa per volta, specialmente quando si è ricevuto un mandato politico. Certo, oggi miracolosamente tutti, il Segretario Alfano in primis, sono d’accordo nel celebrare la pronuncia della Corte Costituzionale sulle incompatibilità di alcuni incarichi, ma il vizietto di cumulare poltrone e prebende è duro da estirpare. Tuttavia, non c’è da sorprendersi degli appetiti della politica. Servono le regole? Eccome, ma serve ancora di più che processi, attribuzioni, nomine, documenti siano resi disponibili a tutti in tempo reale, sulla rete, perché la pubblica opinione possa avere l’opportunità di entrare nelle tante, troppe scatole nere del Paese del sole, del “merito”, e del mandolino. Trasparenza come accessibilità totale, dice la legge. Posso sapere, dunque, quali siano state le considerazioni che il Ministro Romano e/o gli organi di competenza hanno posto alla base della decisione di nominare la dr.ssa Avv. On. Vessella a Amministratore Delegato di Isa? E posso sapere il tasso di presenza della dr.ssa Avv. On. Vessella in relazione alle due poltrone fra Roma e Napoli? E posso ricordare, ciliegina sulla torta, che il codice etico di Isa dice, fra l’altro, che i “destinatari devono evitare ogni situazione ed astenersi da ogni attività che possa contrapporre un interesse personale e quelli dell’azienda o che possa interferire ed intralciare la capacità di assumere, in modo imparziale ed obiettivo, decisioni nell’interesse di I.S.A.”? Mamma che fatica!

Advertisements
Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: