Di etica e di condoni (e io pago)

Apro i giornali e mi va di traverso la prima colazione. “Il condono è giusto dal punto di vista etico” perché “gran parte del debito è imputabile all’evasione e noi in questo modo ci rivolgiamo a chi di questo buco è stato responsabile (cosa???). In caso contrario finiremmo per far pagare sempre gli stessi cittadini”, così Massimo Corsaro, vice-capogruppo PdL alla Camera. Condono fiscale o edilizio? “Io non credo che l’etica si misuri su questo, ma sulla capacità di trovare risorse”, così Fabrizio Cicchitto, capogruppo PdL alla Camera. Due a zero, anche se il sito del Governo ancora dice il contrario.

La vera chicca: “La insensibilità di chi pensasse con aprioristici veti di impedire soluzioni utili, reali, definitive ed attese a dimostrare esclusivamente la insopportabile distanza e la tracotante diffidenza che, purtroppo, insistono tra detentori del potere e rappresentanti dello Stato esclusivamente formale e cittadini comuni facenti parte unicamente dello Stato reale, è a terribilmente dimostrare quanto si pensi di poter calpestare utilità sicure, vantaggi pratici ed attese popolari indilazionabili, coniugando la sussistenza di farraginose, non più tollerabili ed insuperate, sterili pendenze, peraltro costose ed assolutamente carenti di vantaggiosi riscontri, con soluzioni di immediatezza ed ovvia utilità”, dice il “responsabile” Scilipoti sull’ok al condono.

Provo a tradurre: alcuni (molti) cittadini, benestanti o meno, non pagano le tasse e, forti della protezione di pezzi della politica, sono certi che prima o poi potranno usufruire di un bello scudo o dell’ennesimo condono tombale, investendo nella propria immunità. Il risultato? Va a picco il tessuto civile del Paese, si indignano coloro che se la passano sempre peggio e chi paga le tasse, incluso il famigerato e odiato canone tv, si sente irrimediabilmente un fesso, anche se è convinto, e lo dice con forza, che le tasse sono bellissime, perché sostengono la solidarietà della comunità. E prova ad immaginare come potrebbe funzionare il sistema se le tasse le pagassero tutti, mentre l’orchestra sul Titanic continua a suonare.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: