Io ti ammazzo!

La lama di un incallito assassino? L’assalto frontale fra soldati nemici? La vendetta di un marito tradito? Nulla di tutto questo. E’ l’urlo di un paffuto sessantenne che qualche mattina fa si è lanciato, balzando fuori dalla sua macchina, contro un elegante pedone che aveva quasi messo sotto sulle strisce pedonali e che, con una qualche ragione, protestava per il quasi investimento. Se non fosse stato per un carabiniere che si trovava casualmente là e che ha diviso i contendenti, non saprei davvero come sarebbe potuta andare a finire.

E non è un caso isolato. Gli episodi cui si può assistere in una città come Roma sono i più diversi. Gli occhi sgranati ed increduli di una coppia di turisti americani davanti ad una moto che in tutta tranquillità percorreva il marciapiede per evitare una coda di automobili. Il terrore nello sguardo di un gruppetto di giapponesi che attraversava gambe in spalla temendo la fine prematura della loro vacanza. L’ostinato stop di auto e modo al semaforo esattamente sopra le strisce pedonali, senza curarsi dei pedoni. Oppure, ed è la cosa più insopportabile, l’assoluta indifferenza alla necessità di fermarsi ai passaggi pedonali, almeno, si faccia la grazia, per anziani claudicanti e bimbi in carrozzina.

Sono d’accordo senza riserve con chi, nell’uno e nell‘altro schieramento politico, sostiene si debba arrivare all’introduzione del cosiddetto omicidio stradale. Con amarezza, però, aldilà di tante elucubrazioni socio-culturali, sono questi (apparentemente) piccoli episodi gli indizi che mi fanno dire che di strada da fare in Italia, per diventare una nazione civile, ce n’è ancora tanta. Tantissima.

Annunci
Contrassegnato da tag ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: