Non esistono negri italiani

Non seguo praticamente per nulla il calcio che, in realtà, mi sta anche un po’ sulle scatole per il vortice di soldi e spettacolo che lo circonda. Mi ha, però, colpito come a un giocatore nero di Brescia, Mario Balotelli, vengano continuamente rivolti simpatici cori negli stadi, del tipo “non esistono negri italiani” e altre amenità del genere. E le partite vanno avanti come nulla fosse, senza sospenderle. Sentivo oggi alla radio che se si fermassero le partite ogni volta che cori razzisti partono dalle curve, si giocherebbe sempre a porte chiuse. E allora?

Il diverso fa paura. E se il diverso è bravo e di successo, e magari anche un po’ antipatico, come Mario, diventa insopportabile. Poco da discutere, si tratta di dare un esempio chiaro, limpido. Mettere Balotelli in Nazionale come risposta? E perchè no? Ma fermiamo le partite al primo accenno di cori demenziali. E non basta, tuttavia. Si deve partire dall’inizio, frenare la paura irrazionale, capire e ragionare a partire dai ragazzi, che sono i più sensibili, nel bene e nel male, ai messaggi che vengono veicolati nel panorama dei mezzi di comunicazione, come la famigerata operazione White Christmas del Comune di Coccaglio (BS). Negri, froci o ebrei fa poca differenza.

Ne parlava in televisione stasera Gian Antonio Stella a proposito del suo ultimo libro, “Negri, froci, giudei &co. L’eterna guerra contro l’altro”, buttando là una semplice verità: l’Italia è una Paese razzista, né più né meno di tanti altri. Lo siamo stati in passato, sia in Africa sia quando solo 20 professori universitari dichiararono di non voler giurare fedeltà al fascismo. Non c’è da stupirsi, quindi, ma c’è molto da fare. Balotelli non è il primo sportivo italiano che non è proprio bianco, ne fa una bella storia Mauro Valeri in “Black italians“. Basta ricordare che Balotelli non è abbronzato. E’ proprio nero.

Annunci
Contrassegnato da tag ,

One thought on “Non esistono negri italiani

  1. Dario Q. ha detto:

    Io mi chiedo perchè non sia più politicamente corretto chiamare “Froci” gli omosessuali, e nemmeno “Spazzini” i netturbini, ma “Fannulloni” tutti i dipendenti statali sì.

    Chi è – mi chiedo – il burattinaio dell’odio, il ministro del disprezzo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: